Reddito di Cittadinanza M5S: Requisiti, a Chi Spetta e Modulo

Uno dei punti forti del programma elettorale del movimento 5 stelle, che lo ha portato ad un risultato notevole nel corso delle scorse elezioni del 4 marzo, è sicuramente stato il reddito di cittadinanza. Una carta vincente, che ha portato un italiano su tre a dare la fiducia al partito definito populista, soprattutto a livello europeo.

Ma cerchiamo di fare un pò di chiarezza su uno dei punti più discussi di questa campagna elettorale e scopriamo in cosa consiste il reddito di cittadinanza, a chi spetterebbe e le tanto discusse coperture finanziare.

In cosa consiste il reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza è uno strumento destinato a disoccupati o a lavoratori che non raggiungono una certa soglia di reddito. A livello europeo, un reddito che presenta tali caratteristiche prende il nome di reddito minimo garantito ed è attualmente in fase di sperimentazione in Finlandia. Nell’ultimo anno, in Italia è stato introdotto il REI (Reddito di inclusione), anch’esso uno strumento volto a combattere la povertà ma riservato ad una cerchia di persone più ristrette rispetto ai potenziali destinatari del reddito di cittadinanza.

Come funziona la proposta del movimento 5 stelle

Il reddito di cittadinanza prevede un importo pari a:

  • 780 euro mensili per un cittadino single,
  • 1.014 euro mensili per un nucleo familiare composto da un adulto e un ragazzo di età inferiore ai 14 anni.
  • 1.170 euro mensili per una coppia di adulti,
  • 1.248 euro mensili per un nucleo composto da 1 adulto e 2 ragazzi di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.404 euro mensili per un nucleo composto da 2 adulti e 1 ragazzo di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.482 euro mensili per un nucleo composto da 1 adulto e 3 ragazzi di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.560 euro mensili per un nucleo composto da 3 adulti,
  • 1.638 euro mensili per un nucleo composto da 2 adulti e 2 ragazzi di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.716 euro mensili per un nucleo composto da 1 adulti e 4 ragazzi di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.794 euro mensili per un nucleo composto da 3 adulti e 1 ragazzo di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.872 euro mensili per un nucleo composto da 2 adulti e 3 ragazzi di età inferiore ai 14 anni,
  • 1.950 euro mensili per un nucleo composto da 4 adulti.

Gli importi sopra elencati verranno erogati a soggetti singoli o a famiglie che non hanno reddito, oppure pur percependo un reddito non raggiungono la soglia prevista. In quest’ultimo caso, il reddito di cittadinanza avrà un importo volto ad integrare la soglia prevista (ad esempio: un cittadino single che percepisce un reddito da lavoro di 500 euro mensili, avrà diritto ad un assegno pari a 280 euro mensili, al fine di raggiungere la soglia prevista di 780 euro).

A chi è spetta

Il reddito di cittadinanza è rivolto a tutti i cittadini italiani maggiorenni (ne rimangono quindi esclusi gli stranieri con regolare permesso di soggiorno) che risultano disoccupati o inoccupati, oppure coloro che pur svolgendo un attività lavorativa, percepiscono un reddito che non supera le soglie di povertà. Anche i pensionati che percepiscono una pensione inferiore rispetto alle soglie previste avrebbero quindi diritto al reddito di cittadinanza.

Questo reddito non viene riconosciuto automaticamente ai soggetti che presentano i requisiti richiesti, ma bisogna adempiere ad alcuni obblighi, tra cui:

  • fornire la propria disponibilità al lavoro presso i centri per l’impiego
  • offrire la propria disponibilità ad aderire a progetti comunali per svolgere attività utili alla collettività,
  • dimostrare di impiegare almeno 2 ore al giorno nella ricerca attiva di un lavoro,
  • comunicare qualsiasi variazione del reddito,
  • accettare almeno uno dei primi tre lavori offerti
Reddito di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza

L’assegno viene revocato se il soggetto rifiuta per tre volte consecutive un’offerta di lavoro congrua e se sostiene più di tre colloqui di lavoro con il chiaro intento di ottenere dal colloquio stesso esito negativo. Per il movimento 5 stelle un’ offerta di lavoro è congrua se:

  • è attinente alle competenze indicate dal beneficiario dell’assegno al momento della registrazione presso il centro per l’impiego,
  • la retribuzione è almeno pari o superiore all’80% di quella prevista dal contratto nazionale di riferimento,
  • Il luogo di lavoro si trova nel raggio di 50 chilometri dal luogo di residenza del beneficiario dell’assegno.

Coperture finanziarie

Arriviamo alla nota dolente del reddito di cittadinanza: la copertura finanziaria. In base ad alcune stime dell’Istat, il reddito di cittadinanza avrebbe un costo pari a 15 miliardi a cui andrebbero aggiunti 2 miliardi per il potenziamento dei centri per l’impiego. Il movimento 5 stelle ha dichiarato di trovare le coperture finanziare incidendo da un lato su banche, assicurazioni, multinazionali del gas e del petrolio, giochi, aumentandone le imposte e dall’altro riducendo le detrazioni dei redditi più alti e revocando le detrazioni dei redditi superiori a 90.000 euro.. Un ulteriore copertura finanziaria si avrebbe grazie al taglio dei privilegi della casta: “auto blu, indennità parlamentari, fondi ai partiti politici e all’editoria. Nonchè l’abolizione del Cnel.”

Articoli Collegati

Esenzione del Canone RAI dalla Bolletta Elettrica, Ecco come Fare Da febbraio 2017 è stata presentata la nuova modulistica per richiedere la totale esenzione dal pagamento del Canone RAI. A fronte dei requisiti e del...
Calcolo Bollo Auto: Come si Calcola il Costo del Bollo Auto ACI Quando e quanto pagare per il bollo dell'automobile? La risposta è facilmente reperibile online. Il sito dell'Agenzia delle Entrate dà infatti la poss...
Web Tax al via dal 2019: Come Funziona e Cosa Prevede la nuova Imposta La commissione bilancio del senato ha approvato l’emendamento alla Legge di Stabilità del 2018, istituendo la tanto discussa "web tax" italiana, che t...

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

banner