Flat Tax: le proposte di Berlusconi e Salvini per l’introduzione di una Flat Tax in Italia, cos’è e come funzionerebbe

Avrai sentito molto parlare negli ultimi tempi della Flat Tax: ecco perciò una panoramica dettagliata che ti schiarirà le idee in merito alle proposte di Silvio Berlusconi e Matteo Salvini in vista delle elezioni politiche. Da qualche anno a questa parte il Governo in Italia si sta accorgendo come le perdite legate all’evasione fiscale stiano diventando sempre più importanti. E l’influenza sull’economia del paese non è certo poco rilevante. Motivo per cui è stata creata la Flat Tax, ovvero una tassa che grava sui redditi di tutti gli italiani.

L’obiettivo principale della Flat Tax è quello di ridurre molto la pressione fiscale sui lavoratori di vario genere, oltre che per tutte le imprese che occupano il territorio italiano. Essa si basa su una sola aliquota bassa che può concretamente andare a ridurre il pericolo di evasione fiscale. Già nel 1994, durante il primo Governo Berlusconi, si parlava di Flat Tax a dimostrazione che non si tratta certo di una vera e propria novità.

Come funziona la Flat Tax

Il sistema della Flat Tax non è progressivo e ad esso viene applicata solamente una aliquota. Detto in termini semplici che ti aiuteranno meglio a comprendere, si può dire che maggiore è il reddito e di conseguenza maggiore è anche la tassa che bisogna pagare. Quello che non cambia mai è certamente l’aliquota che resta costante. In alcuni paesi sono state introdotte anche delle no tax area, ovvero delle particolari e specifiche soglie di reddito al di sotto delle quali non viene fatto alcun pagamento di tasse. L’obiettivo principale della Flat Tax è quello di andare a ridurre le quote IRPEF oltre a garantire un’equità fiscale. Essa è possibile se si pensa che Una possibilità che in molti paesi dell’Europa hanno deciso di sfruttare e soprattutto di utilizzare per fare in modo da pagare le tasse.

Le parole di Berlusconi e quelle di Salvini

La discussione relativa alla Flat Tax ha sicuramente interessato e non poco il mondo della politica. Grazie ad esso si è avuto modo di ascoltare le parole di Silvio Berlusconi. L’idea della Flat Tax secondo l’ex presidente del Milan, è quella di poter avere una sola aliquota pari all’incirca al 23%. Un numero molto interessante per tutte le prospettive anche perché solo sfruttando questo tipo di aliquota sembra possibile un rientro economico dell’Italia, allontanando il pericolo di altre crisi. Matteo Salvini, colui che è a leader della Lega, partito che sta avendo sempre più interesse nella scena politica italiana, ha parlato di una aliquota pari addirittura al 15%. Una possibilità molto allettante se dovesse effettivamente realizzarsi anche perché potrebbe aprire degli spiragli non di poco conto. Ma gli esperti in ambito economico ritengono che le parole di Berlusconi e Salvini potrebbero non essere seguite dai fatti concretamente.

I vantaggi della Flat Tax

Nel momento in cui ti trovi a parlare di Flat Tax, per poter dire la tua è importante conoscere alcuni dettagli importanti su questo tipo di tassa. Ci sono alcuni aspetti positivi che non puoi davvero non tenere in considerazione. Innanzitutto con l’entrata in vigore della Flat Tax tutti i cittadini sarebbero stimolati effettivamente a pagare le tasse in maniera regolare e soprattutto in base a ciò che spetta. L’alta tassazione in Italia sta avendo anche un’influenza importate non più solamente sul suo umore, ma anche sulla produttività. Pagare le tasse e farlo in base a ciò che effettivamente si deve allo Stato permetterebbe ad ognuno di lavorare in assoluta serenità.

Inoltre sfruttando la Flat Tax, nel momento in cui dovesse entrare in vigore, diventerebbe molto semplice per tutti andare a completare la dichiarazione dei redditi. Si capisce perciò che la Flat Tax può davvero diventare quella soluzione giusta per puntare ad una riduzione notevole dell’evasione. Tutti vantaggi che vengono riportati da esperti dell’ambito economico che hanno sollevato anche un’altra discussione importante: il Flat Tax è regolare? Ecco perché si basa su criteri di progressività della tassazione. Un aspetto che gli italiani continuano a seguire con grande interesse per capirne di più.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.