Codice Tributo 3961 IMU: Cos’è e Come si Compila nell’F24

Negli ultimi tempi la compilazione dei vari moduli per il pagamento delle tasse non pare più tanto immediata, ma, d’altra parte, questo è il prezzo per una maggiore specializzazione e la conseguente offerta di servizi migliori. Dunque, non resta che districarsi tra le numerose sigle e i codici che affollano attualmente il panorama finanziario; iniziamo chiarendo che cosa si intende per codice tributo 3961.

Il codice tributo 3961 è una cifra riferita alla Tasi, ossia al Tributo per i servizi indivisibili, il pagamento del quale è indispensabile per finanziare importantissime voci di spesa pubblica, per esempio l’illuminazione, o la manutenzione delle strade e la sicurezza. Il codice tributo 3961 è utilizzata nel modulo F24 per indicare immobili quali uffici, negozi di proprietà o seconde case che rientrano nella categoria “altri fabbricati”.

Esso è necessario per differenziare il tipo di proprietà sopra citato da quelle che rientrano nel codice 3958, pertinente ad abitazioni di proprietà, oppure al 3959, riferito a fabbricati rurali riservati ad uso strumentale, o ancora al 3960, riguardante le aree fabbricabili. Come le altre cifre riferibili a codici tributo, il 3961 è specificato nel modello F24 da sequenza di 4 numeri, nella quale sono indicati determinati i adempimento.

Date da ricordare per la compilazione del modello

Nella compilazione del modello F24 sarà necessario inserire il codice tributo 3961 nelle righe apposite, comprese nella sezione IMU ed altri tributi; questo spazio, articolato in undici colonne, dovrà essere compilato con i dati che il contribuente avrà a propria disposizione.

Quest’anno, per il pagamento della TASI e la conseguente compilazione del modello F24 con il codice tributo 3961, le date indispensabili da tenere a mente sono lo scorso 16 giugno, nel quale alcuni contribuenti più solleciti hanno deciso di versare un acconto dell’intera cifra dovuta, ed il 16 dicembre, data entro la quale tutti saranno obbligati a saldare l’importo mancante. Specificata la natura istituzionale del codice tributo 3961 vediamo come si deve procedere per la sua corretta compilazione all’interno del modulo F24.

Come compilare il codice tributo 3961 IMU nel modello F24.

Compilare il codice tributo 3961 IMU nel modello F24 è relativamente semplice; come già anticipato precedentemente è necessario inserire la cifra suddetta nella sezione del modulo che rientra sotto il nome di IMU ed altri tributi locali. Le colonne vuote di questa sezione sono undici e devono essere riempite con i dati a disposizione del contribuente da sinistra verso destra della scheda.

La prima casella vuota da cui si deve partire è quella relativa al codice ente o codice comune: la compilazione di tale spazio sarà infatti necessario per rendere nota l’ubicazione degli immobili considerati ed il territorio comunale d’appartenenza, del quale sarà indicata la sigla. In caso questi dati siano ignoti al contribuente, sarà semplice reperirli nella Tabella dei Codici Catastali dei Comuni. Ultimata questa prima procedura, sarà possibile riempire le colonne successive.

Codice Tributo 3961

Codice Tributo 3961

Le tre che seguono la prima sono riconoscibili per la loro minore dimensione, data dal fatto che possono essere semplicemente barrate; esse sono indicate dai nomi ravv, ossia le barrare in caso di ravvedimento; da immobili variati, caso riferito all’intervento di una variazione per uno o più immobili, che richieda la presentazione della dichiarazioni delle stesse; o ancora la sigla acc.è relativa ad un pagamento riferito all’acconto.

Al contrario, la casella saldo deve essere barrata soltanto in caso il pagamento sia riferito al saldo, mentre se esso viene esaurito da un’unica soluzione sarà necessario barrare entrambe le caselle menzionate. Successivamente, si dovranno compilare delle cifre relative al numero complessivo di immobili, in numero massimo di 3, al codice tributo, ossia il 3961; la casella della rateazione mensile dovrà essere lasciata vuota, mentre sarà da riempire l’anno di riferimento di imposta, ossia quello per il quale è eseguito il pagamento, l’importo a debito versato, mentre quello a credito compensato dovrà essere lasciato bianco. Sperando che questa guida sia stata chiara e che possa aiutare nella compilazione del modello F24, invitiamo i contribuenti a tenersi sempre aggiornati.

Articoli Collegati

Codice SDI Destinatario per la Fattura Elettronica: Cos’è, Come si Ott... La fattura elettronica è la versione digitale del famoso documento fiscale che, a partire dal 1° gennaio 2019, è diventato obbligatorio per tutti gl...
Bonus Casa per il Prato Verde del 36%: Cos’è, Come Funziona e Accederv... Novità in arrivo per chi ama il verde è ha uno spazio accessorio al proprio immobile da rinnovare, ad esempio con nuove piante o altri lavori agricoli...
Paesi Black List: Elenco e Lista Aggiornata dei Paesi in Black List Il Ministero dell'Economia e l'Agenzia delle Entrate aggiorna costantemente la lista di quei Paesi nei cui confronti l'Amministrazione Finanziaria ha ...

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner