Bonus Bebè: Cos’è, Requisiti e Come fare per Accedervi

Aspetti un bambino o ne hai uno con meno di tre anni? Hai diritto al bonus bebè, ovvero un assegno annuale, previsto per legge dallo stato per le famiglie in stato di bisogno e che non superano determinati limiti di reddito. L’assegno natalità è un incentivo destinato ad aiutare le famiglie con un bambino nato, adottato o in affidamento, introdotto dalle legge di stabilità del 2015, in particolare con la numero 190 del 23 dicembre 2014. Inizialmente previsto per i bambini nati tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, è stato confermato anche per il 2018.

Cos’è il bonus bebè?

Nello specifico il bonus è un contributo economico erogato dallo Stato, tramite Inps, rivolto a dare sostegno alle famiglie con reddito basso o in difficoltà. Il suo importo è di 80 Euro al mese, ovvero 960 Euro all’anno, per ogni figlio nato o adottato, per chi possiede un reddito Isee tra i 7 e i 25 mila Euro. Mentre per le famiglie con redditi inferiori a 7 mila Euro, la somma mensile è di 160 €, pari a 1.920 € all’anno. Viene dato per tre anni, a partire dalla data di nascita o da quella di adozione o affidamento, per un massimo di trentasei mensilità. Le donne al settimo mese di gravidanza possono richiedere anche un altro incentivo chiamato “bonus mamme domani” o “premio alla nascita”, introdotto con la legge di stabilità del 2017. Valido dal primo gennaio, ha un valore di 800 Euro e viene corrisposto una sola volta per ogni figlio.

Requisiti per accedervi

I requisiti per poter accedere al bonus bebè, oltre ai limiti di reddito visti in precedenza, è necessario avere:

  • la cittadinanza italiana, di uno stato membro dell’Unione Europea, o extraeuropea in possesso di regolare permesso o carta di soggiorno;
  • risiedere in Italia;
  • convivere nello stesso luogo con il bambino.

Tutti i requisiti, compresi quelli di reddito devono essere posseduti al momento della presentazione della domanda e per l’intera durata dell’incentivo. Se il bambino viene affidato a terzi, il bonus spetta all’affidatario. In caso di parto gemellare o adozione di più bambini, deve essere fatta richiesta per ogni minore. Mentre se i sono genitori minorenni o incapaci, è necessario nominare un legale rappresentante che si occupi della domanda.

Bonus Bebè

Bonus Bebè

Come fare domanda per il bonus bebè

Se hai i requisiti e vuoi beneficiare dell’assegno natalità, devi fare una formale richiesta, compilando l’apposito modulo Inps. Quest’ultimo lo puoi trovare sul sito www.inps.it, registrandoti e accedendo ai Servizi online oppure presso i patronati, che si occuperanno anche della gestione della pratica.  La domanda del bonus deve essere presentata entro 90 giorni dalla data di nascita o di ingresso del minore nella famiglia adottiva, o di emanazione del provvedimento del giudice in caso di affido.

Il modulo Inps dell’assegno maternità deve essere corredato dalla Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU). Quest’ultima che deve essere presentata ogni anno entro il 31 dicembre. In essa deve essere indicato l’Isee del nucleo familiare comprensivo del nuovo arrivato o del minore. Poiché la DSU scade il 15 gennaio dell’anno successivo alla sua emissione, bisogna rinnovarla annualmente, per non rischiare la sospensione dell’incentivo. Il pagamento dell’assegno maternità viene effettuato dall’Inps, attraverso un bonifico, sul conto corrente, libretto postale o altro strumento di pagamento con Iban, intestati al genitore che ne ha fatto richieste i cui estremi devono essere indicati in sede di invio della domanda, tramite modello SR/163.

Articoli Collegati

Come Investire i Soldi e Risparmi Oggi: le Migliori Soluzioni del 2018 Se sei alla ricerca di modi per investire i tuoi soldi e risparmi in questo momento in questo articolo scoprirai quali sono i migliori investimenti de...
Fondimpresa: Scopri il Fondo Interprofessionale per la Formazione Continua ... In un mondo in continua evoluzione, con attività lavorative sempre nuove e moderne, la formazione nel sistema lavorativo, acquista un valore enorme pe...
Debito Pubblico Italiano in Tempo Reale e Storico Spesso avrai sentito dai media parlare di debito pubblico italiano. Ma effettivamente cosa è il debito pubblico? In economia il debito pubblico indica...

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner