Assegni familiari 2017: chi può Richiederlo e Come funziona

L’assegno familiare è una tipologia particolare di sostegno sul reddito dei lavoratori dipendenti che hanno un nucleo familiare in grado di rispettare determinate soglie che vengono prestabilite annualmente. E’ l’ISTAT a determinare le soglie limite in base ai prezzi di consumo e, di solito, di può effettuare entro giugno, con una domanda rivolta al datore di lavoro. Di seguito andremo a scoprire a chi si rivolge questa possibilità, come funziona e quali sono i requisiti per poter ottenere l’assegno familiare.

A chi è rivolto l’assegno familiare

Vediamo subito quali sono i lavoratori dipendenti che possono beneficiare dell’assegno familiare:

  • I dipendenti pubblici e privati ancora in attività e assimilati;
  • Titolari di prestazioni a sostegno del reddito;
  • Lavoratori in aspettativa per coprire cariche pubbliche (anche sindacali);
  • Titolari di pensioni che sono state liquidate dal fondo pensioni INPS.

Il diritto è stato poi esteso anche per i lavoratori parasubordinati, con la legge n. 449/1997, purché siano iscritti alla Gestione Separata INPS. Questi lavoratori versano la quota assicurativa e non risultano essere pensionati. Sono invece esclusi i piccoli coltivatori diretti e i pensionati delle gestioni cosiddette speciali.

Quali sono i requisiti necessari per poter ottenerlo?

Vi sono punti fondamentali prestabiliti che vanno a regolare la richiesta di un assegno familiare per nucleo. Di seguito andremo a illustrarti quali sono i requisiti fondamentali, partendo da un punto chiave: il nucleo familiare in questione dovrà essere composto dal richiedente e altri familiari, anche se non conviventi. Nei requisiti necessari rientrano:

  • I figli legittimi ed equiparati, ovvero quelli adottati, naturali, riconosciuti legalmente e affiliati (età inferiore ai 18 anni);
  • Coniuge non legalmente separato;
  • Figli anche maggiorenni inabili, impossibilitati nel dedicarsi a un lavoro;
  • Sorelle, fratelli e nipoti minorenni o maggiorenni organi di genitori e senza aver diritto a una pensione superstite.

Vi sono delle soglie di reddito per poter avere accesso e diritto all’ottenimento dell’assegno. Il nucleo familiare non dovrà oltrepassare i limiti che sono stabiliti per legge di anno in anno. Il reddito è derivante, per il 70%, dal lavoro dipendente, ma non solo. Possono contribuire anche gli assegni periodici che sono corrisposti al coniuge in seguito, per esempio, a una separazione o post divorzio.

assegni familiari

assegni familiari

Come assegni periodici si intendono anche le prestazioni previdenziali che derivano dal lavoro dipendente: in questo caso si parla di indennità di disoccupazione e mobilità, ma anche integrazioni e indennità per malattia o maternità.

Che cosa devi fare per inviare la domanda

Se hai intenzione di inoltrare la richiesta per ottenere il diritto all’assegno familiare è importante presentare il modulo ANF/DIP- COD. SR16 direttamente al tuo datore di lavoro. Si ottiene, grazie all’INPS, un rimborso delle somme pagate. Vi sono alcuni casi specifici in cui il datore andrà a pagare l’assegno solo dopo che il lavoratore avrà ottenuto l’autorizzazione dall’INPS. Ma attenzione: per questi casi bisognerà presentare la domanda con il modello ANF42 e non attraverso quello citato in precedenza.

Viene richiesta solo nel caso in cui si vogliano includere determinati familiari nel nucleo, tra i quali:

  • Familiari che sono residenti all’estero;
  • Figli di genitori che sono già legalmente separati o divorziati, oppure figli del coniuge già divorziato. Si inserisce anche la prole naturale riconosciuta da tutti e due i genitori, figli adottivi che non hanno sottoscritto la dichiarazione da parte coniuge del richiedente;
  • Sorelle, fratelli e nipoti;
  • Eventuali familiari maggiorenni che sono considerati inabili al 100%, ma anche minorenni inabili con documentata l’incapacità di svolgere determinati compiti e mansioni.

Per conoscere a quanto ammonta l’importo degli assegni familiari dovrai sempre fare riferimento alle apposite tabelle INPS per il calcolo degli assegni familiari, trovando i valori relativi alla propria situazione.

Articoli Collegati

Ignazio Visco lascerà la guida della Banca d’Italia Con una mozione a sorpresa oggi il Partito Democratico ha presentato una mozione contro il rinnovo del mandato al governatore uscende della Banca d'It...
Securities Strumenti Finanziari: cosa Sono e come Funzionano le Securities Con il termine Securities si indicano tutti quei documenti certificati riferiti a beni suscettibili di essere misurati e associati ad un valore econom...
Come Parlare con un Operatore TIM dell’Assistenza Clienti Spesso, quando si tratta di dover contattare l'assistenza telefonica del proprio gestore telefonico passa la voglia, perché le telefonate sono sempre ...

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

banner