Conto Deposito Rendimax: Tassi, Vantaggi e Rendimenti

Quando si decide di far fruttare il proprio denaro in qualche modo, una delle strategie più scelte è quella del conto deposito. Questi conti funzionano se appoggiati ad un altro conto corrente normale, perché il conto deposito non può supportare operazioni come bonifici e pagamenti. Il conto deposito può essere vincolato o meno, cioè può imporre la conservazione del deposito per un certo tempo, con annesso pagamento di una mora se si ritirano i soldi prima del tempo previsto, oppure può lasciare libero il cliente di decidere sul prelievo del proprio denaro. Il conto deposito Rendimax è messo a disposizione dalla banca Ifis sia per i privati che per le aziende. Rendimax garantisce all’utente la possibilità di creare sia un conto deposito libero che un conto deposito vincolato.

Per aprire un conto deposito Rendimax la procedura è completamente online e si può fare da casa direttamente sul sito ufficiale del conto. La novità è che questo conto deposito permette sia la possibilità dell’intestatario singolo che quella del cointestatario. Per l’apertura online del conto bisogna comunicare a Rendimax i seguenti dati:

  • nome, cognome e codice fiscale, accompagnati dall’identificativo del documento d’identità;
  • l’IBAN del conto sul quale andranno a finire i rendimenti (cioè il classico conto corrente a cui si appoggia il conto deposito);
  • scansione del documento d’identità e del codice fiscale.

Vantaggi di un conto deposito Rendimax

Quali possono essere i vantaggi di aprire un conto deposito Rendimax rispetto ad altri conti? Innanzitutto il rendimento, elevato e gestito in modo trasparente. Rendimax, poi, garantisce un’ampia scelta di impostazione del conto deposito, quindi è soddisfacente per le esigenze di praticamente tutti i risparmiatori. La possibilità di scegliere tra conti deposito vincolati o liberi e tra diverse modalità di accredito del rendimento impone Rendimax al grande pubblico come il conto di riferimento, rispetto magari a tanti altri conti con molte più clausole. Uno dei punti di forza di Rendimax, inoltre, è anche il suo essere completamente gratuito. L’apertura del conto, essendo online, è semplicissima e completamente gratuita, così come lo sono le spese di gestione. L’imposta di bollo, prevista allo 0,20% sui rendimenti, viene assolta dalla banca stessa senza nessun onere per il cliente. Gli interessi, però, iniziano a maturare dal primo giorno di apertura del conto, quindi il cliente non viene lasciato nemmeno un giorno senza che il suo denaro aumenti di valore.

Gli esperti di banca IFIS, tra l’altro, gestiscono un servizio di assistenza sempre molto attivo e tempestivo, che aiuta il cliente a mettersi in contatto con la banca nel minor tempo possibile per risolvere eventuali problemi di gestione del conto. Rendimax spicca sugli altri conti deposito anche per la sicurezza che dà al cliente: ogni utente ha garantiti i depositi fino a 100 mila euro, ed è anche possibile utilizzare una carta abbinata a questo conto. La carta è dotata di chip che permette di fare operazioni in modalità Wifi, e può essere richiesta gratuitamente e poi collegata al conto corrente di appoggio del conto deposito Rendimax.

Conto Deposito Rendimax

Conto Deposito Rendimax

Quali sono i rendimenti di questo conto deposito?

Con un conto deposito Rendimax libero si può raggiungere un rendimento pari allo 0,60% annuo lordo fin da subito. Questo rendimento sale al 2,3% in caso di conto vincolato. Queste informazioni il cliente le sa da subito, quindi c’è anche molta chiarezza e molta trasparenza. La seconda opzione è valida se si apre un conto deposito Rendimax family top con durata quinquennale.

Ogni giorno Rendimax fa maturare sulla somma vincolata dal cliente degli interessi, che ogni tre mesi vengono poi trasferiti sul conto corrente intestato al cliente stesso. C’è anche la funzione First, che invece viene attivata da chi preferisce avere la liquidità in anticipo e non aspettare 90 giorni ogni volta. La funzione Rendimax Like, invece, serve per i conti liberi ed è utile per vedersi accreditare dopo poco più di un mese (precisamente dopo 33 giorni) le somme sul proprio conto.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.